Robot camerieri e supermarket senza cassieri - Claxio.com Cassino Frosinone
Casse Automatiche
Robot Camerieri e Specchi Consulenti
29
Gen
Automazione nello Shopping Retails

Capgemini Research Institute: Retailer +11% nelle vendite negli store che vantano tecnologie per l’automazione rispetto a quelli che ne sono sprovvisti 

Oltre il 50% dei consumatori che hanno visitato un negozio dotato di sistemi di automazione preferisce fare acquisti presso un rivenditore di questo tipo rispetto a uno che ne è sprovvisto; percentuale in salita fino al 70% nei giovani under35.
Capgemini Research Institute in questa ricerca su oltre 5.000 consumatori e 500 dirigenti in ambito retail tra Nord America, Europa e Asia, riporta che la maggior parte dei clienti ritiene che l’automazione possa aiutare a risolvere i problemi che si incontrano all’interno del punto vendita, tra cui lunghe code alle casse, difficoltà nel localizzare i prodotti e mancanza di disponibilità degli stessi.


Investire nell’automazione del punto vendita adesso?
Metà dei clienti che hanno avuto un’esperienza positiva con l’automazione all’interno del punto vendita ha dichiarato di essere disposto a effettuare acquisti che solitamente farebbe attraverso le piattaforme online di retailer fortemente focalizzati sul digitale (ovvero che operano per lo più attraverso siti web e app e hanno solo pochi store fisici) presso negozi dotati di questo tipo di tecnologie.
Un altro dato interessante  è che quasi il 60% dei consumatori è generalmente predisposto ad acquistare online da rivenditori in cui si prevede che i resi di ordini online possano essere effettuati anche in negozio fisico  utilizzando l’automazione. Clienti e rivenditori riconoscono la necessità di associare l’automazione ad obiettivi legati alla sostenibilità, la maggior parte di essi ritiene che l’automazione possa aiutarli a offrire soluzioni rispettose dell’ambiente.

Un caso reale di automazione nel retail: Amazon Go

Esistono differenti negozi che offrono visioni diverse ma complementari di un futuro nella vendita al dettaglio in cui gli esseri umani svolgono un ruolo più limitato. Il primo di questi è Amazon Go.
Questa catena amplifica il significato di ciò che tradizionalmente è stato definito un “negozio di convenienza”. Entrando con la scansione di un codice a barre generato dall’App che essenzialmente apre una scheda, Amazon Go tiene traccia degli oggetti rimossi dagli scaffali dal cliente e dalle persone che entrano con lui.
 
Alla fine della spesa basterà eseguire la scansione con la stessa App e uscire dal negozio. È quasi altrettanto comodo e non altrettanto clandestino quanto lo scenario del supermercato senza check-out previsto in un’intelligente pubblicità IBM del 2006.
Il cibo e i prodotti disponibili all’interno dei negozi Amazon Go non sono i tipi di prodotti tipicamente associati al rivenditore di Seattle. L’ingresso di Amazon all’interno del settore alimentare è nato grazie all’acquisizione della catena di supermercati Whole Foods.
 
Al momento Amazon sembra molto concentrata sulla riduzione dei prezzi nella catena incentrata sull’organico. Ma in seguito l’impegno sarà quello di aumentare il numero di negozi Amazon Go che potrebbe presto rivaleggiare o superare il numero di mercati di Whole Foods, poiché Amazon ha annunciato l’intenzione di aprire migliaia di concorrenti di 7-Eleven nei prossimi anni in quanto prevede versioni più piccole e più grandi della sua tipologia di supermercato.
 
 
 

Dubbi dei clienti ?
Se da un lato parte dei consumatori pensa che l’automazione possa servire per affrontare i punti dolenti all’interno dei punti vendita, dall’altro ci sono sfumature sia positive che negative a livello di singoli paesi che il settore deve affrontare per avere successo (ad esempio, il 40% dei consumatori ha dichiarato di sentirsi un “commesso non retribuito” quando utilizza le casse automatiche).
Inoltre, più della metà dei clienti ha dichiarato che non acquisterebbe presso un punto vendita che utilizza il riconoscimento facciale per identificarli.
Ci sono anche differenze nell’importanza che i retailer danno all’automazione per i sottosettori del commercio al dettaglio. Per esempio, quasi la metà dei rivenditori di generi alimentari e di abbigliamento ha dichiarato che la leadership aziendale considera l’automazione un imperativo strategico, in un’ottica di sviluppo del proprio business nel lungo periodo.


Automazione e AI stanno entrando nelle nostre vite a piccoli passi con l’intento di “facilitare il lavoro” e ridurre i costi/sprechi in ogni settore; sta a noi utenti riconoscerne la validità ed avere un atteggiamento propositivo anche quando il cambiamento delle abitudini può risultare motivo di stress da adozione.


Se hai trovato interessante questo articolo ricordati di condividerlo con le persone che potrebbero essere interessate all’argomento
Aggiornamento: Il ristorante del futuro? Robot al posto di camerieri, via anche il cassiere (clicca per scoprire il cameriere robot)
 Seguici sui social @claxio.com

Ricerche Correlate: amazon go, automazione retail, ai shopping,